Aggiornamento coronavirus

A seguito della recente evoluzione della diffusione del cosiddetto coronavirus abbiamo deciso di sospendere la programmazione e la commercializzazione di qualsiasi viaggio avente destinazione Cina indipendentemente dalla prevista data di partenza.

In collaborazione con i nostri partner (tour operator, compagnie aeree e fornitori di servizi turistici) stiamo costantemente monitorando gli aggiornamenti anche relativamente ad altre aree geografiche: al momento non sussistono problematiche legate ad altre destinazioni tali da sconsigliare le partenze.

Invitiamo tutti i viaggiatori a documentarsi presso gli organi ufficiali (Ministero Affari Esteri, OMS, Ministero Sanità, etc) mantenendo un atteggiamento informato e consapevole ma evitando inutili ed ingiustificati allarmismi sollevati da fonti imprecisate o inattendibili volte solo al sensazionalismo mediatico.

Quello che consigliamo oggi come ieri è di adottare le basilari norme igienico-sanitarie, sempre utili per qualsiasi destinazione e per qualsiasi tipologia di viaggio.

Riportiamo di seguito i comunicati ufficiali


Comunicato COSTA CROCIERE del 31/01/2020

COSTA CROCIERE RAFFORZA ULTERIORMENTE LE PRECAUZIONI A BORDO DELLE SUE NAVI

Genova, 31 gennaio 2020 – A seguito dell’innalzamento del livello di allerta globale dichiarato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, Costa Crociere ha deciso di rafforzare ulteriormente le misure precauzionali da applicare alla propria flotta, al fine di garantire il massimo della sicurezza per ospiti ed equipaggio. A partire da oggi, non sarà pertanto consentito l’imbarco a bordo delle navi Costa ad ospiti, visitatori e membri d’equipaggio, di qualsiasi nazionalità, che abbiano viaggiato da, verso o attraverso la Cina continentale negli ultimi 14 giorni. “Costa Crociere lavora a stretto contatto con le Autorità Sanitarie internazionali e locali per assicurare un costante monitoraggio della salute dei propri ospiti e offrire la massima tutela,” ha dichiarato Neil Palomba, Direttore Generale di Costa Crociere. “I nostri medici di bordo, inoltre, vengono continuamente aggiornati dal nostro team medico a livello centrale, e assicurano che i controlli e le procedure di prevenzione ordinaria e straordinaria siano applicati a bordo di tutte le navi della nostra flotta in base all’evolversi dello scenario internazionale.” Le misure fanno seguito alle procedure che la compagnia aveva già adottato nelle scorse settimane, che prevedono l’introduzione di un questionario medico da sottoporre ai passeggeri imbarcanti e specifici controlli pre-imbarco da parte del personale medico, compresi i controlli della temperatura per le persone che palesano sintomi (respiratori o febbrili). Qualsiasi segnalazione o rilevazione di sintomi di malattia durante questo screening è valutata dal personale medico di bordo, che stabilisce se consentire l’imbarco della persona oppure no. La sicurezza e la salute dei passeggeri e dei membri dell’equipaggio sono la priorità di Costa Crociere. Sulle navi della compagnia vengono adottate puntuali misure precauzionali, quali lo screening di ospiti ed equipaggio, qualora le circostanze lo richiedano. Inoltre, tutte le navi della flotta sono dotate di strutture mediche con personale dedicato, disponibile 24 ore su 24, e possono contare sulla consulenza e il supporto da parte di professionisti e strutture mediche esterne e specializzate. Il settore crocieristico è, infatti, uno dei più avanzati e all’avanguardia in ambito di tutela della salute.


Comunicato ENTE DEL TURISMO POLINESIA FRANCESE del 31/01/2020

Il governo della Polinesia Francese ha annunciato che ad oggi non ci sono casi di Coronavirus nel Paese. Sebbene non ci siano voli diretti dalla Cina verso la destinazione, sono state adottate misure preventive ad effetto immediato e le informazioni ai viaggiatori vengono rivalutate quotidianamente alla luce dell’evolversi della situazione internazionale. I servizi sanitari della Polinesia Francese e i servizi statali (Dipartimento della Protezione Civile) sono regolarmente informati dell’evoluzione della situazione e delle misure di gestione raccomandate dall’OMS per limitare l’impatto di una potenziale epidemia.
Inoltre, il governo, in collaborazione con i servizi dello Stato Francese, sta supervisionando l’attuazione di tali misure preventive nella Polinesia Francese. I servizi di emergenza, gli ospedali e gli operatori sanitari vengono costantemente informati, sono adeguatamente attrezzati e possono essere mobilitati rapidamente se necessario. Misure precauzionali per impedire l’ingresso del Coronavirus 2019-nCoV nella Polinesia Francese: 1. L’implementazione immediata di uno scanner termico all’aeroporto di Tahiti Faa’a per monitorare e controllare tutti i flussi di passeggeri che entrano in Polinesia Francese. 2. Le autorità dell’aeroporto di Tahiti-Faa’a e del porto di Papeete sono state invitate a fornire ai viaggiatori che entrano in Polinesia Francese mezzi individuali di protezione. 3. A partire dal 28 gennaio 2020 tutti i viaggiatori provenienti dall’Asia, dal Giappone e dalla Nuova Zelanda che entrano in Polinesia Francese dovranno presentare un certificato sanitario datato almeno 15 giorni prima del viaggio attestante che sono privi di segni di infezione virale. In assenza di un certificato, alle compagnie aeree viene chiesto di rifiutare l’imbarco ai passeggeri. Il governo ha preso atto del divieto dello Stato Cinese su tutti i viaggi di gruppo fuori dai suoi confini dal 27 gennaio 2020. 4. I viaggiatori di jet privati ​​provenienti dall’Asia dovranno sottoporsi a un controllo medico da parte dei servizi competenti del Paese al loro arrivo in Polinesia Francese. Secondo l’evoluzione della situazione internazionale, il governo della Polinesia Francese potrebbe adottare ulteriori misure nei prossimi giorni.