Bonus vacanze 2020

Stiamo ricevendo diverse richieste in merito al cosiddetto “bonus vacanze” introdotto nel recente Decreto Rilancio. Come funziona? Come si ottiene? Qual è il suo importo? Chi può beneficiarne? Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sull’argomento.

Il bonus vacanze 2020 è un incentivo governativo per rilanciare il settore turistico e invogliare gli italiani a trascorrere qualche giorno di vacanza nell’ambito del territorio nazionale beneficiando di un contributo di importo variabile in base al nucleo familiare, fruibile per l’80% come sconto sul prezzo dovuto alla struttura turistico ricettiva e per il restante 20% come detrazione dall’imposta sul reddito (da un solo componente familiare). È stato introdotto con il nome di Tax Credit Vacanze.

Per beneficiarne è sufficiente avere un reddito familiare verificato dall’ISEE non superiore a € 40.000. L’ISEE è l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente, e può essere richiesto rivolgendosi o al proprio commercialista, o al consulente del lavoro o a un CAF.

Qualora se ne abbia diritto l’importo del bonus vacanza sarà pari a € 500 per famiglie composte da 3 o più persone€ 300 per famiglie di due persone€ 150 per una sola persona e servirà per il pagamento di servizi offerti in ambito nazionale dalle imprese turistico. Ad esempio una famiglia di 4 persone potrà utilizzare € 400 del bonus come sconto immediato sul prezzo della vacanza ed i € 100 residui concorreranno alla diminuzione delle tasse da pagare in dichiarazione.

La spesa dovrà essere effettuata in un’unica soluzione e dovrà essere documentata dalla fattura elettronica o da un documento commerciale in cui dovrà essere indicato il codice fiscale del soggetto fruitore del credito. Il bonus può essere utilizzato per soggiorni dal 1 Luglio al 31 Dicembre 2020.

Per richiedere il bonus occorre installare l’app dei servizi pubblici IO; la richiesta può essere inoltrata da uno dei componenti il nucleo familiare in possesso di identità digitale SPID o Carta d’identità elettronica.

Per ulteriori informazioni o per richiedere un preventivo con una struttura che accetti il bonus: info@fibula.it


Aggiornamento del 24/07/20: stiamo ricevendo diverse comunicazioni da parte di strutture turistico ricettive che stanno esaurendo il credito d’imposta disponibile e che quindi non potranno più accettare l’applicazione del bonus per le future prenotazioni. Invitiamo quindi tutti coloro che avessero intenzione di sfruttare tale incentivo a non attendere e di procedere quanto prima alla prenotazione, anche se il periodo del soggiorno non è immediato.